Piccoli Madoniti, grandi esploratori!

55 attività natura da fare prima dei 12 anni

Compila il formulario e accedi alla lista:

Cos’è Piccoli madoniti, grandi esploratori!?
E’ uno strumento didattico il cui scopo è di incoraggiare i bambini a sperimentare il contatto con la natura in tanti modi diversi.

E’ stato ideato specificamente per i giovani del territorio delle Madonie, tenendo conto delle sue specificità (montagna, mare), delle sue unicità (biodiversità, geologia, tradizioni contadine) così come del più ampio contesto geografico in cui si trova inserito (es: vicinanza di 3 vulcani attivi). Anche se non vivi sulle Madonie, puoi comunque usarlo ed adattarlo alla tua realtà.

Piccoli madoniti, grandi esploratori! è stato pensato per accompagnare docenti, famiglie e ragazzi fino ai 12 anni: si inserisce quindi in un quadro ben più ampio di quello dell’attuale situazione legata al coronavirus. Fra le 55 attività natura suggerite, alcune non si possono realizzare per ora a causa delle norme anticovid, ma saranno di nuovo fattibili in futuro. Molte sono invece alla portata di tutti, anche in un giardino o su un balcone.

Piccoli madoniti, grandi esploratori! si ispira al documento 50 cose da fare prima degli 11 anni contro il deficit di natura del WWF e alla lista 50 things to do before you’re 11 ¾ del National Trust, ente di conservazione del patrimonio storico e naturalistico britannico. Entrambi hanno lo scopo di mitigare gli effetti del deficit di natura (vedi qui sotto).

Perché è così importante che i bambini siano a contatto con la natura?

“Nessuno proteggerà ciò che non gli interessa e nessuno si prenderà cura di ciò che non ha mai sperimentato”
Sir David Attenborough, naturalista britannico di fama mondiale.

Bastano poche parole per far capire qual è la posta in gioco: se vogliamo salvare il pianeta, le giovani generazioni devono crescere a stretto contatto con la natura.

Aldilà di questa grande sfida, il contatto con la natura è indispensabile al nostro sviluppo ed al nostro benessere. Infatti, numerosi studi dimostrano che svolgere attività in natura:
sviluppa la capacità motoria, la percezione spaziale, la capacità di osservazione, la capacità di concentrazione, la creatività, il rapporto positivo ed empatico con la natura
favorisce il peso corporale sano, la cooperazione e la socializzazione
rinforza il sistema immunitario e la fiducia in sé
diminuisce lo stress, l’iperattività ed i disturbi dell’attenzione
stimola l’autodisciplina e l’autonomia,
aiuta l’apprendimento di concetti astratti

Purtroppo, i bambini di oggi sono sempre meno a contatto con la natura. Il territorio delle Madonie non fa eccezione malgrado la presenza del Parco delle Madonie, area protetta di grande pregio naturalistico e geologico.
Questa situazione, ampiamente documentata sia in Italia che all’estero negli ultimi decenni, porta spesso ad una forma di malessere chiamato “deficit di natura”. Le sue manifestazioni sono molteplici: irritabilità, ansia, insicurezza, depressione, obesità sono fra le più comuni.

La situazione attuale legata al coronavirus, limitando gli spostamenti e l’accesso alle aree naturali, sta amplificando il fenomeno del deficit di natura con gravi ripercussioni sul benessere fisico e mentale di tutti, a cominciare dai più giovani.

Fonte:
Bimbi in deficit da natura, La Stampa 2016
Le benefice du contact avec la nature, Sabine Muster 2018
Natural childhood, Stephen Moss, National Trust 2012


Come usare Piccoli madoniti, grandi esploratori!?
Piccoli madoniti, grandi esploratori! è un serbatoio di idee: serve a stimolare, invogliare i bambini a vivere nuove esperienze legate alla natura. Ovviamente, non c’è nessun obbligo di realizzare tutte le attività prima dei 12 anni!
Questo strumento si può usare a scuola e/o a casa, tenendo conto del contesto, dell’età del bambino e del suo rapporto personale alla natura (c’è chi ha già dormito in tenda, chi cammina in montagna, chi fa l’orto, ecc.)

Esempi di uso a scuola:
scegliere un’attività da realizzare/documentare a casa e da presentare poi in classe. L’attività può essere la stessa per tutti gli alunni oppure essere scelta da ognuno secondo le proprie inclinazioni. Esempi: usare la lente d’ingrandimento per osservare elementi naturali, installare una mangiatoia per uccelli, piantare un albero, assaggiare varietà di frutta antica…
stimolare lo scambio fra bambini, dando la possibilità ad ognuno di condividere con gli altri esperienze, sensazioni ed aneddoti legati alla natura
trovare ispirazione per future gite ed attività di educazione ambientale all’aperto da realizzare quando sarà di nuovo possibile

Piccoli madoniti, grandi esploratori! è uno strumento a disposizione dei docenti, ma anche dei bambini stessi, che possono usarlo in famiglia durante il tempo libero.

Esempi di uso a casa:
trovare ispirazione per giochi in natura (costruire una capanna, cercare tracce di animali, costruire un aquilone, ecc.)
programmare attività da realizzare in famiglia (fare un’escursione in montagna, costruire una casetta per uccelli, partecipare ad un’azione di volontariato, ecc.)

Facebooktwitter